PRGONLINE Autocertificazione  
| Credits | Home |  
 
   

Guida all'autocertificazione

 
COS'E' UN CERTIFICATO ?

E' un atto in base al quale il cittadino dimostra di possedere una serie di requisiti relativi alla sua persona.

PER QUANTO TEMPO SONO VALIDI I CERTIFICATI ?

Tutti i certificati che attestino stati e fatti non soggetti a modifiche (certificato di, morte, titolo di studio, ecc.) hanno validità illimitata. Le restanti certificazioni hanno una validità di sei mesi.

E QUANDO SCADONO COSA FARE ?

I certificati rilasciati dagli uffici Anagrafe e Stato Civile possono essere utilizzati anche se scaduti, basterà dichiarare in fondo al certificato che niente è variato dalla data del rilascio

COS'E L'AUTOCERTIFICAZIONE ?

E' una dichiarazione personale resa dal cittadino attestante quanto sarebbe dovuto apparire sui certificati o sugli atti rilasciati dalla pubblica amministrazione.
Per gli stranieri vedi apposita scheda.

A QUALI UFFICI SI PUO' PRESENTARE ?
A tutti gli uffici delle pubbliche amministrazioni (Comune, Provincia, Regione, Motorizzazione, ecc.) e a tutti gli uffici gestori di pubblici servizi (Poste, Enel, Telecom, Aci, Consorzi AMAG e CIS, ecc.) ed ai privati che vi consentono.
QUALI SONO I SOGGETTI CHE POSSONO RIFIUTARE L'AUTOCERTIFICAZIONE ?
Non sono obbligati ad accettare l'autocertificazione gli uffici o aziende private (Agenzie viaggi, Banche, Agenzie per il recupero crediti, ecc.)
CHE COSA SI PUO' AUTOCERTIFICARE ?

Con l'autocertificazione si sostituiscono in modo definitivo i seguenti certificati, estratti o documenti:

a) data e il luogo di nascita;
b) residenza;
c) cittadinanza;
d) godimento dei diritti civili e politici;
e) stato di celibe, coniugato, vedovo o stato libero;
f) stato di famiglia;
g) esistenza in vita;
h) nascita del figlio, decesso del coniuge, dell'ascendente o discendente;
i) iscrizione in albi, registri o elenchi tenuti da pubbliche amministrazioni;
l) appartenenza a ordini professionali;
m) titolo di studio, esami sostenuti;
n) qualifica professionale posseduta, titolo di specializzazione, di abilitazione, di formazione, di aggiornamento e di qualificazione tecnica;
o) situazione reddituale o economica anche ai fini della concessione dei benefici di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali;
p) assolvimento di specifici obblighi contributivi con l'indicazione dell'ammontare corrisposto;
q) possesso e numero del codice fiscale, della partita IVA e di qualsiasi dato presente nell'archivio dell'anagrafe tributaria;
r) stato di disoccupazione;
s) qualità di pensionato e categoria di pensione;
t) qualità di studente;
u) qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili;
v) iscrizione presso associazioni o formazioni sociali di qualsiasi tipo;
z) tutte le situazioni relative all'adempimento degli obblighi militari, ivi comprese quelle attestate nel foglio matricolare dello stato di servizio;
aa) di non aver riportato condanne penali e di non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l’applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale ai sensi della vigente normativa;
bb) di non essere a conoscenza di essere sottoposto a procedimenti penali;
cc) qualità di vivenza a carico;
dd) tutti i dati a diretta conoscenza dell'interessato contenuti nei registri dello stato civile;
ee) di non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento e di non aver presentato domanda di concordato.

CHE COSA NON SI PUO' AUTOCERTIFICARE ?

I certificati medici, sanitari, veterinari, di origine, di conformità CE, di marchi e brevetti non possono essere sostituiti da altro documento, salvo diverse disposizioni della normativa di settore.

N.B.: Tutti i certificati medici e sanitari richiesti dalle istituzioni scolastiche ai fini della pratica non agonistica di attività sportive da parte dei propri alunni sono sostituiti con un unico certificato di idoneità alla pratica non agonistica di attività sportive rilasciato dal medico di base con validità per l'intero anno scolastico

COME SI FA ?

Le pubbliche amministrazioni predispongono i moduli necessari per la redazione delle dichiarazioni, che gli interessati hanno la facoltà di utilizzare.
In detti moduli, le amministrazioni inseriscono il richiamo alle sanzioni penali previste dall'art. 76 del D.P.R. 445/2000, per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci ivi indicate.
Nei moduli è contenuta anche l'informativa ai sensi dell'art. 10 della Legge 31 dicembre 1996 n. 675 sulla protezione dei dati personali

COME SI PRESENTA ?

Si può presentare personalmente all'ufficio che la richiede, si può spedire per posta o via fax, tramite posta elettronica, terze persone o incaricati di agenzie

PERCHE' CONVIENE FARLA ?

Presentando l'autocertificazione in sostituzione del normale certificato il cittadino risparmierà tempo perché eviterà di andare in comune e soprattutto denaro perché la firma sull'autocertificazione non dovrà essere autenticata, cosi che viene meno anche l'imposta di bollo (£. 20.000)

PER QUANTO TEMPO E' VALIDA ?
Ha la stessa validità temporale degli atti che sostituisce
COSA FARE QUANDO NON SI PUO' USARE L'AUTOCERTIFICAZIONE ?
Il cittadino può avvalersi della dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà.
DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO
CHE COS'E' ?

E' una dichiarazione resa e sottoscritta dal cittadino attestante stati, fatti e qualità personali.
Tali dichiarazioni, rese nell'interesse proprio del dichiarante, possono riguardare anche stati, fatti e qualità personali relative ad altri soggetti di cui egli abbia diretta conoscenza.

Attenzione: 
- La dichiarazione di chi non sa o non può firmare è raccolta dal pubblico ufficiale previo accertamento dell'identità del dichiarante.
- La dichiarazione nell'interesse di chi si trovi in una situazione di impedimento temporaneo, per ragioni connesse allo stato di salute, è sostituita dalla dichiarazione, contenente espressa indicazione dell'esistenza di un impedimento, resa dal coniuge o, in sua assenza, dai figli o, in mancanza di questi, da altro parente in linea retta o collaterale fino al terzo grado, al pubblico ufficiale previo accertamento dell'identità del dichiarante. Questa possibilità non si applica in materia di dichiarazioni fiscali.

 

A QUALI UFFICI SI PUO' PRESENTARE ?

- a tutti gli uffici delle pubbliche amministrazioni (Comune, Provincia, Regione, Motorizzazione, ecc.)
- a tutti gli uffici di pubblici servizi (Poste, Enel, Telecom, Aci, Consorzi, ecc.)
- ai soggetti privati (assicurazioni, banche, ecc..)

ATTENZIONE: La firma in calce a tutte le domande ed alle dichiarazioni sostitutive dell'atto di  notorietà rivolte alle amministrazioni ed ai gestori di servizi pubblici, non dovranno più essere autenticate. Basterà firmarle in presenza del dipendente addetto o inviarle (anche per fax) assieme alla fotocopia (non autenticata) del documento di identità del sottoscrittore.
Le istanze e le dichiarazioni inviate per via telematica sono valide se sottoscritte mediante la firma digitale o quando il sottoscrittore è identificato dal sistema informatico con l'uso della carta di identità elettronica.
L'autentica della firma rimane per le dichiarazioni sostitutive dell'atto di notorietà da presentare ai privati e per le domande che richiedono la riscossione di benefici economici (pensioni, contributi, ecc..) da parte di altre persone

COSA SI PUO' DICHIARARE ?
Tutti gli stati, fatti e qualità personali non compresi nell'elenco delle dichiarazioni sostitutive di certificazioni, di cui il dichiarante, nel proprio interesse, sia a diretta conoscenza.
Tale dichiarazione può riguardare anche la conoscenza del fatto che la copia di una pubblicazione è conforme all'originale.
Nel caso di pubblici concorsi in cui sia prevista la presentazione di titoli, la dichiarazione di tale fatto tiene luogo a tutti gli effetti dell'autentica di copia.
COSA NON SI PUO' DICHIARARE ?
Tutte le situazioni inerenti a fatti che devono ancora accadere, assunzioni di impegni, rinunce, accettazione di incarichi, intenzioni future.
AUTENTICAZIONE DI COPIA
CHE COS'E' ?
E' l'attestazione di conformità di una copia, totale o parziale, con l'originale
DA CHI PUO' ESSERE EFFETTUATA ?

Dal funzionario competente dal quale è stato emesso l'originale, da quello presso il quale l'originale è depositato, o conservato o da quello al quale deve essere presentato il documento, nonché da un notaio, cancelliere, segretario comunale, o altro funzionario incaricato dal Sindaco.

Attenzione: Con una semplice dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà (vedi sezione precedente), l'interessato potrà dichiarare la conformità all'originale di: copia di atto o documento conservato o rilasciato da una pubblica amministrazione, copia di pubblicazione ovvero la copia di titoli di studio o di servizio. Tale dichiarazione può altresì riguardare la conformità all'originale della copia dei documenti fiscali che debbono essere obbligatoriamente conservati dai privati. 

COSA SERVE ?
Originale del documento, copia da autenticare, documento di riconoscimento , eventuale marca da bollo in base all'uso.
AUTENTICA DI FIRMA
CHE COS'E' ?

E' l'attestazione ufficiale della legale qualità di chi ha apposto la propria firma sopra atti, istanze, dichiarazioni, ecc. .

ATTENZIONE:
-  La firma in calce a tutte le domande ed alle dichiarazioni sostitutive dell'atto di  notorietà rivolte alle amministrazioni ed ai gestori di servizi pubblici, non dovranno più essere autenticate. Basterà firmarle in presenza del dipendente addetto o inviarle (anche per fax) assieme alla fotocopia (non autenticata) del documento di identità del sottoscrittore.
- Le istanze e le dichiarazioni inviate per via telematica sono valide se sottoscritte mediante la firma digitale o quando il sottoscrittore è identificato dal sistema informatico con l'uso della carta di identità elettronica.
- L'autentica della firma rimane per le dichiarazioni sostitutive dell'atto di notorietà da presentare ai privati e per le domande che richiedono la riscossione di benefici economici (pensioni, contributi, ecc..) da parte di altre persone.
- La dichiarazione di chi non sa o non può firmare è raccolta dal pubblico ufficiale previo accertamento dell'identità del dichiarante.

CHI PUO' AUTENTICARE LA FIRMA ?
La firma può essere autenticata dal notaio, cancelliere, segretario comunale o altro funzionario incaricato dal Sindaco, indipendentemente dal comune di residenza dello stesso dichiarante.
COSA SERVE ?
Documento dove deve essere apposta la firma, documento di riconoscimento in corso di validità ed eventuale marca da bollo in base all'uso.
LEGALIZZAZIONE DI FOTO
CHE COS'E' ?
E' l'attestazione ufficiale della autenticità di una foto da apporre su documenti di identità personale, licenze di pesca e caccia, patenti di guida, ecc..
CHI PUO' AUTENTICARE LA FOTO ?

Le amministrazioni competenti per il rilascio di documenti personali sono tenute a legalizzare le prescritte fotografie presentate personalmente dall'interessato. A richiesta dell'interessato, possono essere altresì legalizzate dal dipendente incaricato dal Sindaco, indipendentemente dal comune di residenza del richiedente.

Attenzione:
- In Comune si possono legalizzare solo foto da apporre su documenti personali rilasciati dalle Pubbliche Amministrazioni. 
- La legalizzazione delle fotografie prescritte per il rilascio dei documenti personali non è soggetta all'obbligo del pagamento dell'imposta di bollo.

COSA SERVE ?
Presentarsi personalmente con documento di riconoscimento e con le foto da legalizzare che devono essere recenti, formato tessera ed a capo scoperto.
 
 


Copyright 2001 AC CAD